Rezulteo
Trova i migliori pneumatici al miglior prezzo

Ti guideremo nell'acquisto dei tuoi pneumatici

Michelin Uptis: pneumatici antiforatura per le auto dal 2024?

Michelin e General Motors hanno presentato al summit sulla mobilità sostenibile Movin’On un prototipo di pneumatico senza aria per autovetture denominato Uptis, che sarà disponibile sul mercato dal 2024.

Pneumatico senza aria Michelin Uptis

© Michelin

Pneumatici airless per tutti entro 5 anni

In occasione del terzo summit mondiale sulla mobilità sostenibile Movin’On, organizzato da Michelin a Montreal, il produttore francese ha presentato il suo nuovo progetto di pneumatico senza aria. Sviluppato in collaborazione con General Motors e denominato Uptis, acronimo di Unique Puncture-proof Tire System, ovvero pneumatico a prova di foratura, questo prototipo dovrebbe entrare in commercio nel 2024, dopo i test in corso su auto come la Chevrolet Bolt EV.

Uptis in realtà non è uno pneumatico ma un sistema unico cerchio-ruota che non si buca in quanto privo di aria compressa. Pensato per migliorare la mobilità di domani, questo progetto permetterebbe, secondo il produttore francese, di risparmiare notevoli quantità di materie prime. Secondo i dati forniti da Michelin, sarebbero infatti circa 200 milioni gli pneumatici rottamati ogni anno a causa di forature e altri danni subiti su strada e per l’usura irregolare dovuta a livelli di pressione inadeguati.

Da Vision a Uptis

Due anni fa Michelin presentava Vision, la sua idea di pneumatico del futuro, un concept di pneumatico senz’aria, connesso, sostenibile e con la possibilità di applicare un nuovo battistrada con stampante 3D in base alle proprie esigenze. Per il produttore francese, lo sviluppo e il lancio di Uptis nel 2024 rappresenta un ulteriore passo in avanti in questa direzione, in sintonia con lo slogan di Movin’On: “Dall’ambizione all’azione”.

“Uptis dimostra che la visione di Michelin per un futuro di mobilità sostenibile è un sogno realizzabile” ha dichiarato Florent Menegaux, nuovo amministratore delegato del gruppo Michelin, al summit Movin’On. “La nostra collaborazione con partner strategici come GM, che condividono le nostre ambizioni di trasformare la mobilità, ci proietta nel futuro oggi”.

Un concentrato tecnologico rivoluzionario

Uptis deriva da Tweel, pneumatico airless di Michelin già in commercio per veicoli a velocità ridotta e ne condivide alcuni aspetti di design come l’insieme ruota-pneumatico, i raggi per il sostegno del carico e l’anello esterno di congiunzione. Tuttavia, sebbene simile esteticamente a Tweel, Uptis rappresenta una vera e propria svolta tecnologica sia per la struttura che per i materiali utilizzati e a differenza del predecessore è in grado di sostenere un’autovettura a velocità autostradali. 

Pneumatico Michelin Tweel

© Michelin 

“Il prototipo Uptis è una dimostrazione della capacità innovativa di Michelin, sia per quanto riguarda i materiali utilizzati che per il processo di sviluppo”, afferma Éric Vinesse, Direttore Ricerca e Sviluppo del gruppo Michelin.

Articoli correlati

Covid-19: Michelin produrrà 1 milione di mascherine riutilizzabili alla settimana

Anche i giganti dell’industria si mobilitano per fronteggiare l’emergenza coronavirus. Michelin ha annunciato la produzione di mascherine FFP1 e FFP2 in 10 suoi stabilimenti europei.

Goodyear equipaggia la Lexus LF-30: pneumatici concept progettati per raffreddare il motore

Al Salone virtuale di Ginevra 2020 è stata presentata la concept car Lexus LF-30 Electrified, una visione futuristica di auto elettrica equipaggiata con pneumatici concept Goodyear.

Pirelli e Junya Watanabe alla Fashion Week di Parigi

Dagli pneumatici all’abbigliamento, Pirelli va forte anche nel settore della moda. Alla Settimana della Moda di Parigi, Pirelli e lo stilista giapponese Junya Watanabe Man hanno presentato la loro nuova collezione autunno-inverno 2020. Una linea audace e colorata, composta da quattro modelli in stile vintage, ispirati alle giacche indossate dai tecnici Pirelli durante le gare di motorsport degli anni ‘70.

Cosa fanno i produttori di pneumatici contro il riscaldamento globale?

Oggi le questioni ambientali sono in cima alla lista delle preoccupazioni e l’attenzione verso la salvaguardia dell’ambiente spinge consumatori e imprese a cercare soluzioni ecologiche e sostenibili per minimizzare i danni. Anche il settore pneumatici non sfugge a questa realtà. La produzione di pneumatici richiede risorse naturali e chimiche e lo smaltimento prevede una complessa procedura di recupero e riciclaggio. Allora cosa possono fare i produttori di pneumatici per ridurre l’impatto ambientale del settore e contribuire alla crescita ecologica del pianeta?