Covid-19: Michelin produrrà 1 milione di mascherine riutilizzabili alla settimana

Anche i giganti dell’industria si mobilitano per fronteggiare l’emergenza coronavirus. Michelin ha annunciato la produzione di mascherine FFP1 e FFP2 in 10 suoi stabilimenti europei.

Mascherina Ocov Michelin

Michelin produrrà 1 milione di mascherine riutilizzabili alla settimana nel mese di maggio © Michelin

Milioni di mascherine chirurgiche

Bamberg in Germania, Bourges, La Combaude, Golbey, Joué les Tours e Ladoux in Francia, Alessandria e Cuneo in Italia, Olsztyn in Polonia e Zalău in Romania. Per supplire alla drammatica carenza di mascherine protettive ed altri dispositivi medici in tutto il mondo, il produttore francese Michelin ha deciso di riconvertire questi 10 stabilimenti alla produzione di mascherine chirurgiche. Il colosso del settore pneumatici produrrà 400.000 mascherine FFP1 alla settimana, da donare agli ospedali dei paesi colpiti dalla pandemia da Covid-19. In seguito, Michelin conta di aumentare la produzione estendendo l’iniziativa agli stabilimenti del Nord America.

Inoltre, per soddisfare la richiesta di visiere protettive delle strutture sanitare francesi, Michelin subappalterà la produzione di 10.000 visiere in policarbonato sterilizzabili.

Mascherina Ocov Michelin

© Michelin

Mascherine riutilizzabili

Su iniziativa di un collettivo di ricercatori e aziende della regione Auvergne-Rhône-Alpes è nata l’idea di una mascherina riutilizzabile fino a 100 volte. Chiamata OCOV, questo prototipo di mascherina di tipo FM (Face Mask) P1 o P2 può essere riutilizzato ed è realizzabile in tempi record. L’obiettivo Michelin è produrre 1 milione di mascherine a settimana nel mese di maggio. 130.000 mascherine sono già state prenotate e una parte sarà donata alle Agenzie Sanitarie Regionali. La mascherina riutilizzabile prodotta da Michelin costerà 28€, ovvero 28 centesimi ad utilizzo, rispetto ai 3€ circa di una mascherina monouso.

Articoli correlati

Michelin Track Connect: una versione gratuita accessibile a tutti

La nuova versione di Track Connect è ora disponibile anche nella modalità Amatore, gratuita al 100%. Lanciata per la prima volta 2 anni fa, Michelin Track Connect si aggiorna con una versione più ampia, accessibile a tutti gli appassionati, piloti professionisti e dilettanti. Quali sono le 3 nuove modalità di utilizzo? Quali sono i veicoli dotati del kit Track Connect?

Bridgestone e Microsoft insieme per migliorare la sicurezza sulle strade

Progettare soluzioni innovative per una mobilità del futuro sicura e sostenibile è una delle principali sfide dei produttori di pneumatici. Per la sicurezza stradale è di fondamentale importanza viaggiare con gomme in perfetto stato di efficienza. L’usura e una pressione inadeguata sono all’origine di moltissimi incidenti. Per questo è importante effettuare regolarmente una corretta manutenzione delle gomme! Tuttavia i danni subiti dal battistrada, ad esempio per le cattive condizioni delle strade percorse abitualmente, non sempre sono visibili a occhio nudo. Ed è qui che interviene il nuovo sistema di monitoraggio degli pneumatici, elaborato da Bridgestone in collaborazione con Microsoft, che permette di rilevare in tempo reale gli eventuali danni subiti dagli pneumatici.

Quali sono le marche di pneumatici tedesche?

Quali sono i produttori di pneumatici originari della Germania? Quali sono le marche di pneumatici tedesche? Continental è uno dei più importanti produttori al mondo e lo dimostra ogni volta con risultati eccellenti nei test comparativi delle riviste indipendenti, dove le gomme Continental sono sempre al top. Al gruppo Continental appartengono numerosi marchi. Scopriamo qui anche gli altri produttori di pneumatici tedeschi.

eSport motoristici: i produttori di pneumatici verso le competizioni virtuali

Da sempre legati agli sport motoristici con solidi contratti di collaborazione, i produttori di pneumatici si stanno aprendo a nuove forme virtuali di competizione. In seguito all’annullamento di numerosi eventi sportivi dal vivo per le misure di sicurezza dovute al Covid-19, si è assistito alla professionalizzazione del settore degli esport e anche i produttori di pneumatici si sono orientati verso gli sport digitali e il mondo delle competizioni motoristiche virtuali.